Teoria della Signatura Rerum

Ha scritto Alessia Niccolucci, il

Signatura Rerum

Se crediamo di essere dotati di un’anima immortale che proviene dal Cielo, innegabilmente il nostro corpo appartiene a questa Terra e come tutte le cose che la popolano a lei siamo connessi e da lei traiamo energia, vita e salute. A confermarlo sin dai tempi più remoti, è la dottrina denominata Signatura Rerum, ovvero “firma delle cose“, ha alla base la convinzione che tutto quello che è presente in natura sia ad uso e consumo dell’uomo, e per questo motivo si narra che Dio per aiutarlo a riconoscere facilmente cosa usare e per cosa usarlo, lasciò una firma, un segno su ogni cosa, facilmente riconoscibile e di immediata riconducibilità all’organo del corpo umano.

Già nell’antica Cina furono riconosciute queste “firme” infatti vi era una classificazione secondo la quale il colore e il sapore delle piante corrispondesse all’organo che andavano a curare:

• Giallo e dolce = milza
• Rosso e amaro = cuore
• Verde e acido = fegato
• Nero e salato = polmoni

Il filosofo greco Plotino, erede di Platone e padre del Neoplatonismo, affermava che:

ogni essere che si trova nell’universo, secondo la sua natura e costituzione, contribuisce alla formazione dell’universo stesso, col suo agire e con il suo patire, nella stessa maniera in cui ciascuna parte del singolo animale, in ragione della sua naturale costituzione, coopera con l’organismo nel suo intero, rendendo quel servizio che compete al suo ruolo e alla sua funzione. Ogni parte, inoltre, dà del suo e riceve dalle altre, per quanto la sua natura recettiva lo consenta”.

Quindi secondo questa dottrina esiste una corrispondenza tra tutte le cose e la natura è l’insieme di più parti che ne formano un unico organismo vivente.

Questa filosofia era adottata da guaritori, erboristi e maghi, e ogni pianta, ogni frutto, ogni radice ha una sua specifica funzione, anche la determinazione di dove cresce una pianta rappresenta l’utilizzo che ne deriva, ad esempio le piante acquatiche vanno a curare patologie “bagnate” come il raffreddore, mentre le piante di palude sono legate più alle mucose, sia dell’apparato riproduttivo che di quello respiratorio.
Alimenti e loro corrispondenza al corpo umano

Carota ⤏ Occhio
Se affettiamo la carota a rondelle non possiamo fare a meno di notare che sembra proprio un occhio, con tanto di pupilla, iride e linee a raggiera, e tutti sanno quanto bene facciano le carote alla vista, infatti aumentano il flusso sanguigno della regione oculare e il beta-carotene protegge contro la degenerazione maculare e lo sviluppo della cataratta.

Pomodoro ⤏ Cuore
Affettando un pomodoro a metà si notano 4 cavità, il suo colore è rosso… non ricorda un cuore? E infatti il pomodoro fa bene al cuore grazie al contenuto di licopene e vitamina C.

Uva ⤏ Polmoni
I grappoli dell’uva formati dagli acini sembrano proprio degli alveoli polmonari, dove i cunicoli portano l’ossigeno al sangue; l’uva è infatti un frutto che aiuta a ridurre il rischio di cancro polmonare ed enfisema e i suoi semi contengono una sostanza che riduce l’asma da allergie.

Noce ⤏ Cervello
Niente in natura si assomiglia di più, il gheriglio della noce assomiglia al cervello umano, con un emisfero destro e un emisfero sinistro, 2 cerebri in alto e 2 cervelletti in basso, mentre le pieghe della superficie richiamano la neo-corteccia. Ricche di Omega-3, alti livelli di antiossidanti, acido folico e vitamina E aiutano il cervello a rimanere attivo e giovane!

Fagioli ⤏ Rene
Innegabile la somiglianza e infatti i fagioli aiutano a mantenere la funzionalità renale.

Sedano ⤏ Ossa
Sedano come anche Bok Choy, rabarbaro o coste hanno una forma molto somigliante alle ossa e infatti sono tutti alimenti che rafforzano le ossa arricchendole con il sodio e riducendo il rischio di osteoporosi.

Avocado ⤏ Utero
L’avocado, ma anche la pera, hanno la forma dell’utero, soprattutto quando la donna aspetta un bambino (seme), questi frutti aiutano a riequilibrare gli ormoni femminili e a perdere peso dopo una gravidanza, oltre a ridurre il rischio di cancro alla cervice. Una curiosità: per far crescere un frutto di avocado (da fiore e a frutto) occorrono esattamente 9 mesi!

Fichi ⤏ Testicoli
La forma dei fichi è chiara, ma importante è che siano pieni di semi, proprio come il loro corrispettivo umano, e infatti questo frutto concorre ad aumentare la produzione di spermatozoi e a contrastare la sterilità maschile.

Patate dolci ⤏ Pancreas
Le patate dolci assomigliano al pancreas, e infatti aiutano a riequilibrare l’indice glicemico dei diabetici.

Agrumi ⤏ Seno
Gli agrumi tagliati a metà assomigliano molto alla struttura ghiandolare delle mammelle, infatti aiutano l’afflusso e il deflusso della linfa dai seni.

Cipolle ⤏ Cellule
Le cipolle assomigliano alle cellule del corpo e di fatto aiutano a purificare l’organismo eliminando le sostanze tossiche dalle cellule, possono far lacrimare e quindi “lavare” gli occhi.

Arachidi ⤏ Testicoli
La forma è simile e questa frutta secca aiuta la libido e la forza maschile, non a caso il principale componente del Viagra, deriva dalle arachidi

Fungo ⤏ Orecchio
Un fungo tagliato per lungo assomiglia proprio ad un orecchio e infatti con il loro contenuto di vitamina D, aiutano a migliorare l’udito perché mantiene gli ossicini in perfetta salute.

Zenzero ⤏ Stomaco
La forma è somigliante e infatti aiuta la digestione, viene usato per calmare i dolori allo stomaco e la nausea.

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 voti, media: 5,00 su 5)
Loading...

Ti piace? Condividi!

Alessia Niccolucci Sono una scrittrice e un'insegnante
Scrivo romanzi, poesie, articoli da sempre e insegno a Roma. Ma considero la mia casa la Toscana da dove provengo. Vorrei dire di più ma è già tutto sul mio sito.
Seguimi su Facebook Twitter Google+ RSS e-mail